Archivio per mese: settembre 2008

Firefox 3: problemi di stampa con font Courier

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Firefox 3Oggi mi è capitato un problema piuttosto strano: il backoffice di un e-Commerce in produzione da qualche anno ha iniziato a funzionare male in fase di stampa. In tutte le stampe su carta il carattere “spazio” veniva rappresentato da un quadratino al cui interno c’erano i numeri “0020 (infatti “%20” indica il carattere spazio, come si vede spesso nelle query string all’interno degli URL con parametri). Parliamo della stampa di una pagina web in HTML.

Alla ricerca della causa ho iniziato con una raffica di test:

  • il classico riavvio PC e stampante di rete
  • riavvio del Jet Direct HP
  • prova di stampa su un’altra stampante senza Jet Direct HP
  • prova di stampa della stessa pagina web da altri due PC (su entrambe le stampanti)
  • controllo della versione dei file dell’applicativo e di eventuali modifiche da parte di terzi
  • analisi del codice HTML/CSS
  • prova sui charset

Tutto sembrava a posto, ma la stampa risultava sempre cosi’:

Firefox 3 - Problema di stampa con font Courier

Allora chiedendo informazioni all’unica persona che non si era lamentata del problema mi sono accorto che stava utilizzando Internet Explorer 7, mentre tutti i miei test erano basati su Firefox 3. Vai a vedere che… esatto! Dagli altri 3 PC è bastato cambiare browser per ottenere una stampa corretta. Infatti da pochi giorni ognuno di loro aveva aggiornato Firefox all’ultima versione (e con la precedente tutto funzionava regolarmente).

Localizzato e riprodotto il problema ho provato anche su un Mac con stampante collegata in USB, sempre Firefox 3, ma questa volta – magia – la stampa ha funzionato. Ora mi direte che con Mac funziona sempre tutto, e avete ragione, ma non è questo il caso!

Scherzi a parte è grazie a questo che mi è venuta l’idea di controllare i font. In uso nel CSS c’erano: “courier, verdana, helvetica, sans-serif“, ma sul Mac in questione era presente solo il Courier New. Ecco perché qui funziona! Infatti è bastato cambiare la famiglia di font nel CSS per veder funzionare tutto anche in Firefox 3 su tutti gli altri computer.

Ora non so se si tratti un bug o di un problema derivante da altro, ma al momento per questa esperienza sembra che in fase di stampa del font Courier su Firefox 3 lo spazio venga interpretato e stampato male (come un URL encode). Curioso, no? Cosa ne dite?

Nuova grafica, più commenti

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

SagomaUltimamente ho notato che questo blog riceve più commenti ai post e più mail private rispetto ai mesi passati: il numero di iscritti al feed cresce sì e no di un paio di unità al giorno, quindi rimangono da valutare la frequenza degli articoli e il nuovo layout.

Ok, c’è da dire che in questo periodo riesco a scrivere un po’ di più, o almeno lo faccio in maniera continuativa, e questo sicuramente aiuta. Però credo che la semplificazione dell’interfaccia – “sottrarre l’ovvio e aggiungere il significativo” dice Maeda – e la personalizzazione del sito (la mia foto, il nome e cognome, etc) abbiano aiutato molto.

Ecco, forse sembrerà poco, ma adesso queste pagine comunicano che qui dietro c’è una persona reale, tutta pell…ops carne ed ossa. 😀 E sembra funzionare.

Twitter attraverso FriendFeed: niente privacy

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Twitter - Problema di privacy sugli account protettiSu Twitter Alexiaco dice che utilizzando la ricerca interna al sito è possibile leggere gli aggiornamenti delle persone che hanno protetto i loro account rendendoli privati.

Ho provato, ma la risposta di Twitter mi pare corretta: “Either [NOMEUTENTE] has set twitter to private mode (hiding all messages from public view), or the messages between these users were so far apart in time that we couldn’t connect them.” Alex come posso riprodurre il problema?

Forse però non ho seguito la stessa procedura. Intanto aggiungo che sottoscrivendo un account su Friendfeed di qualcuno che ha protetto il suo feed su Twitter si riescono comunque a leggere tutti i suoi interventi dal sito FriendFeed usando la tab “Friends”…

Io sono collegato su Friendfeed con una persona che ha scelto di tenere gli aggiornamenti di Twitter privati. Su Twitter però non siamo collegati, eppure in FriendFeed leggo tutti i suoi twit.

Occhio! 🙁

Link bait: tecniche per ottenere link naturali

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Fare in modo che il proprio sito ottenga un buon numero di link in ingresso è un mantra SEO da sempre, ma è altrettanto importante che questi link siano di buona qualità e sopratutto “naturali”, cioé inseriti/donati spontaneamente.

Purtroppo però i link naturali costano tempo e fatica, così negli anni si è sviluppata la tecnica alternativa dell’acquisto di link da terzi, magari con un buon PR. Questo tipo di attività viene considerato negativamente dai motori – che lo identificano come spam – penalizzando di conseguenza il posizionamento del sito nella SERP.

Vi farò pescatori di… link

Occorre quindi scegliere la strada in salita, rimboccarsi le maniche e lavorare alla produzione di contenuti così interessanti da agevolare la discussione, le citazioni e la segnalazione a terzi.

Ma quali sono le modalità? E sopratutto quale si adatta meglio ad ognuno di noi? Per rispondere a queste domande ci viene in aiuto uno schemino di Search Engile Land che ho scoperto via TagliaBlog, eccolo:

Le esche per... i link! Tecniche per ottenere link naturali verso il proprio sito (SEO)

Insomma questa immagine dice che l’unico vero metodo per ricevere link da altri siti/blog è quello di produrre contenuti di qualità e interessanti, che abbiano una o più delle caratteristiche mostrate nel grafico:

  • Attacco (attack)
    Generare una discussione partendo dall’attacco verso qualcuno/qualcosa o sfruttando un tema “caldo”.
  • Umorismo (humor)
    Generare interesse in maniera virale, sfruttando il materiale che le persone hanno piacere ad inoltrare agli amici come foto divertenti, video virali, etc.
  • Diversità (contrary)
    Illustrare il proprio parere quando è diverso da quello di persone famose o dall’opinione pubblica.
  • Risorsa (resource)
    Creare e distribuire software o materiale di utilità.
  • Incentivo (incentive)
    Generare link sfruttando l’interazione come la partecipazione a concorsi, sondaggi con diffusione dei risultati, etc.
  • Novità (news)
    Aumentare il numero di lettori e interessati scrivendo articoli di buona qualità i cui temi non siano stati trattati con frequenza da altri.
  • Personalità (ego)
    Aumentare l’interesse verso il proprio contenuto scrivendo di particolari privati e personali riguardanti sè stessi.

Io mi ritrovo in alcuni di questi, e voi? O ne conoscete altri?

Internet Explorer 8 (beta 2): tag di compatibilità con siti sviluppati per Internet Explorer 7

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Microsoft Internet Explorer 8 Beta 2Qualche giorno fa Microsoft ha rilasciato una beta di Internet Explorer 8, la nuova versione del famoso (e più diffuso) browser. Si parla di innovative funzionalità in grado di offrire una maggiore protezione/affidabilità, interoperabilità ed usabilità… insomma, sembra qualcosa di promettente.

Subito dopo i partner sono stati informati che esiste un problema di compatibilità con le versioni precedenti del browser di Redmon. Infatti, in questa prima versione, alcuni siti sviluppati per Internet Explorer 7 potrebbero non funzionare correttamente con Internet Explorer 8 durante la navigazione in modalità standard (menu, immagini, allineamenti, script, blocchi di interpretazione, etc).

Al momento Windows Internet Explorer 8 Beta 2 esiste solo in inglese, tedesco, cinese semplificato e giapponese. Ma entro fine settembre verrà rilasciata la beta in altre 21 lingue (arabo, cinese di Hong Kong, cinese tradizionale, ceco, danese, olandese, finlandese, francese, greco, ebraico, ungherese, italiano, coreano, norvegese, polacco, portoghese del Brasile, portoghese del Portogallo, russo, spagnolo, svedese e turco). Insomma… nel giro di pochi giorni la cosa potrebbe iniziare a diffondersi velocemente.

A questo punto Microsoft offre una serie di possibilità per risolvere questo problema, cioè l’ “aggiornamento siti Web per compatibilità con la Beta 2 di Internet Explorer 8“: si va dalle modifiche al server fino all’inserimento di un tag speciale in grado di far credere ad Internet Explorer 8 di essere un vecchio Internet Explorer 7. 🙂

Le istruzioni ed i vari metodi sono elencati nell’articolo relativo alla compatibility knowledge base. In particolare il tag di compatibilità che può essere aggiunto ai siti che soffrono di questo problema è:

 <head>
<meta http-equiv=”X-UA-Compatible” content=”IE=EmulateIE7″ />
</head>

Quando Internet Explorer 8 leggerà questo tag visualizzerà i contenuti del sito come se fosse Internet Explorer 7, garantendo così la visualizzazione corretta del sito e delle sue funzionalità senza costringere gli sviluppatori a modificare il codice.

Credo/spero che questa situazione sia solo un problema passeggero di questa beta, cioé qualcosa che non sia presente nella versione finale di Microsoft Internet Explorer, ma un piccolo dubbio mi rimane su questa frase dell’articolo sulla kwnoledge base:

Some Web sites are designed for older browsers. You may experience compatibility issues on these sites until they are updated for Internet Explorer 8.

In caso negativo possiamo supporre che quel tag avrà lunga vita sul web. Speriamo in bene! Intanto ecco il link per scaricare la versione Beta 2 di Internet Explorer 8 di Microsoft.

 

 Torna su