Sito web: ricerca per chiave parziale o per chiave esatta?

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Discutevo con un collega sulla modalità di ricerca che stiamo utilizzando per un sito web in lavorazione, nello specifico cercavamo di capire quale fosse il metodo corretto per semplificare la vita agli utenti offrendo loro i risultati migliori.

Due tipi di ricerca

Con ricerca per chiave parziale intendo quella in grado di restituire tutte le parole che contengono la chiave indicata, ad esempio cercando il termine “anno” potrei ottenere tra i risultati tutte le seguenti parole:
– anno, keyword uguale
annoverare, keyword all’inizio della parola (anno…)
pannolini, keyword in mezzo alla parola (…anno…)
capodanno, keyword alla fine della parola  (…anno)

Con ricerca per chiave esatta invece intendo quella in grado di recuperare esclusivamente le parole identiche alla chiave di ricerca, pertanto nell’esempio precedente otterrei solamente il primo risultato, “anno”.

Possiamo dire che la ricerca per chiave esatta restituisce sempre un sottoinsieme dei risultati della ricerca per chiave parziale, quindi un numero di risultati minore, ma perfettamente in linea con quanto cercato. Viceversa la ricerca parziale fornisce un numero di risultati maggiore però ad ampio spettro.

Lettere in legno (Scarabeo)

Qualche verifica

…Empirica: io. Ho provato ad analizzare il mio comportamento quando devo effettuare una ricerca. Su Google, ad esempio, cerco sempre con chiavi esatte (tranne in rari casi), invece quando ho davanti un testo e desidero cercare qualcosa lo faccio quasi sempre con chiavi parziali.

…Oggettiva: i motori. I form presenti su tutti i motori offrono come modalità predefinita la ricerca per chiave parziale, fermo restando che se trovano una corrispondenza esatta le danno maggior valore in termini di qualità del risultato. Sulle chiavi multiple poi la cosa è più chiara in quanto, per indicare la ricerca con chiave esatta, necessitano della sintassi con le doppie virgolette.

…Statistica: gli utenti. Non ho moltissimi dati, ma sulla base di 25.000 ricerche effettuate direttamente sul mio blog (per un totale di 3.000 chiavi diverse) scopro che nella top 50 per frequenza ci sono solamente 3 chiavi parziali.

Conclusioni

Probabilmente non esiste una risposta oggettiva e il metodo migliore dipende dal singolo caso (con propensione sulla ricerca per chiave esatta), però mi piacerebbe sentire qualche altra esperienza ed altri pareri in merito. Voi cosa dite?

7 commenti per Sito web: ricerca per chiave parziale o per chiave esatta?
  1. Tambu Rispondi

    io direi parziale ma sono ad inizio parola. Per intenderci ann* (e non *ann*). Questo perché così la ricerca per chiave esatta diventa un sotto-caso di quella parziale (l’utente scrive l’intera parola) e salvi capra e cavoli lasciando scoperta una % minima di utenti.

  2. Riccardo Tesio Rispondi

    C’è una terza via che in molti casi è molto utile, e cioè la ricerca “Inizia con”. La maggior parte delle volte quando cerchiamo una parola sappiamo bene come inizia. Magari non sappiamo come finisce, oppure non abbiamo voglia di scriverla tutta, oppure ci possono interessare delle piccole variazioni:
    Ad esempio se cerco “gatt” mi può interessare “gatto”, “gatti”, “gatta”, “gattino”… difficilmente mi interesserà “rigattiere”.
    Inoltre questo tipo di impostazione si sposa molto bene con la visualizzazione incrementale dei risultati (cioè i risultati vengono mostrati man mano che si digita).

  3. Anonimo Rispondi

    Insomma sono d’accordo con Tambu!

  4. marlenekk Rispondi

    Tambu: l’idea è buona, ma non si può risolvere con una sola query, altrimenti in un campo di testo generico prenderebbe solo quelli che iniziano per. Insomma, richiede più risorse.

    Riccardo: esatto è proprio da questo che abbiamo iniziato il ragionamento, nel senso che eravamo di pareri diversi e così ho cercato altri punti di vista qui sul blog. Il lato negativo, nel caso che proponi, è legato al fatto che bisogna far scegliere all’utente che tipo di ricerca vuole fare, mentre noi volevamo rimanere sulla semplicità con i soli campo e pulsante.

  5. davide Rispondi

    una possibilità è dedicare dei pesi ai risultati, portiamo l’esempio, query cercata : anno … invio

    nel mio database ho :

    – anno, keyword uguale
    – annoverare, keyword all’inizio della parola (anno…)
    – pannolini, keyword in mezzo alla parola (…anno…)
    – capodanno, keyword alla fine della parola (…anno)

    fra parentesi ha di fatto segnato il pattern, ma cosa cerca l’utente? a parte i pesi classici bisogna “incrociarli” per dove si trova la parola es risultato

    anno
    panno
    annoverare
    pannolini
    capodanno

    la logica è

    – se uguale priorità massima
    – se i caratteri non uguali es 2 priorità bassa
    – se i caratteri uguali sono alla fine priorità minima

    o definire dei nuovi livelli, ho buttato il pensiero di due secondi.. anche se stavo cercando un’altra cosa sul web.. saluti.

  6. davide Rispondi

    (rimetto la parte mancante)

    si è mangiato un pezzo, avete qualche controllo sulle parole o sui simboli quali minore, maggiori o uguali?

    la logica è

    se uguale priorità massima
    se i caratteri non uguali minori di 2 priorità alta
    se i caratteri da cercare sono all’inizio priorità normale
    se i caratteri non uguali più di 2 priorità bassa
    se i caratteri uguali sono alla fine priorità minima


    ciao

  7. marlenekk Rispondi

    davide: concordo è una buona idea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato. Inserisci il tuo nome, la tua mail e il commento.