Francobolli elettronici anti-spam

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Quando si dice il genio! William, stavolta hai detto proprio una cavolata… ho un po’ di domande e appunti:

  • a chi andrebbero i proventi derivati dalla vendita dei bolli?
  • avete idea di quanti sforzi sarebbero necessari per sostituire l’attuale standard? e l’impiego di risorse normalmente si traduce in un costo implementativo…
  • l’idea del quiz da risolvere non sovracaricherebbe un po’ troppo le macchine che gestiscono lo smistamento della posta? Voglio dire: milioni di mail = milioni di quiz = milioni di risposte = milioni di controlli. Per usare la stessa frase dell’articolo direi “cosa tutt’altro che economica”
  • quanti utenti pagherebbero per inviare mail?
  • quanto diminuirebbe il contributo delle persone nelle community, nelle mailing list e nei newsgroup?
  • la soluzione dei filtri è al momento la più valida, ma aggira il problema invece di risolverlo poiché la banda viene ugualmente consumata per nulla

 

L’unico vantaggio che vedo in questo sistema dei francobolli, così su due piedi, sta nello sviluppo di un buon sistema per micropagamenti, per necessità ampiamente diffuso e utilizzato. Questo aiuterebbe i più diffidenti ad avvicinarsi più in generale ai pagamenti online, con ovvie conseguenze per lo sviluppo dell’e-Commerce.

Al limite questa proposta è già più logica, e la patch su Outlook Express presente nel nuovo SP2 per Windows XP dovrebbe già contribuire notevolmente in questo senso. Insomma staremo a vedere, intanto ho un paio di tasti senza più la scrittina nera 😀

4 commenti per Francobolli elettronici anti-spam
  1. yaxomoxay Rispondi

    eddai non facciamo disinformazione. Il CallerID NON e’ un francobollo. E’ tutto spiegato qui : http://www.microsoft.com/billgates/speeches/2004/02-24rsa.asp . Invece di leggere le traduzioni di qualche idiota che traduce CallerID con francobollo e’ meglio leggere l’ORIGINE della notizia.

  2. Marlenek Rispondi

    ciao yaxo mi trovi d’accordo, ma fondamentalmente il discorso non cambia molto: diverse cose rimangono uguali

  3. yaxomoxay Rispondi

    eh si ma qualcosa bisognera’ pur fare.Gia’ e’ importantissimo questo: http://punto-informatico.it/pi.asp?i=47368 .
    Io trovo che li’ in Europa si stia andando a rilento a riguardo…

  4. Marlenek Rispondi

    Mi trovi piu’ che d’accordo! : - ( I filtri alla "fine" del processo servono solo ad aggirare il problema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato. Inserisci il tuo nome, la tua mail e il commento.