Internet

Tutti gli articoli su temi riconducibili alla Rete: novità, opinioni, trend, previsioni, casi eclatanti ecc.

Francobolli elettronici anti-spam

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Quando si dice il genio! William, stavolta hai detto proprio una cavolata… ho un po’ di domande e appunti:

  • a chi andrebbero i proventi derivati dalla vendita dei bolli?
  • avete idea di quanti sforzi sarebbero necessari per sostituire l’attuale standard? e l’impiego di risorse normalmente si traduce in un costo implementativo…
  • l’idea del quiz da risolvere non sovracaricherebbe un po’ troppo le macchine che gestiscono lo smistamento della posta? Voglio dire: milioni di mail = milioni di quiz = milioni di risposte = milioni di controlli. Per usare la stessa frase dell’articolo direi “cosa tutt’altro che economica”
  • quanti utenti pagherebbero per inviare mail?
  • quanto diminuirebbe il contributo delle persone nelle community, nelle mailing list e nei newsgroup?
  • la soluzione dei filtri è al momento la più valida, ma aggira il problema invece di risolverlo poiché la banda viene ugualmente consumata per nulla

 

L’unico vantaggio che vedo in questo sistema dei francobolli, così su due piedi, sta nello sviluppo di un buon sistema per micropagamenti, per necessità ampiamente diffuso e utilizzato. Questo aiuterebbe i più diffidenti ad avvicinarsi più in generale ai pagamenti online, con ovvie conseguenze per lo sviluppo dell’e-Commerce.

Al limite questa proposta è già più logica, e la patch su Outlook Express presente nel nuovo SP2 per Windows XP dovrebbe già contribuire notevolmente in questo senso. Insomma staremo a vedere, intanto ho un paio di tasti senza più la scrittina nera 😀

Sdoppiamento dell’io

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

operatore: “Lei ha 2 identità su questo Outlook giusto?”

cliente: “Esattamente…”

operatore: “Dr. Jekill e Mr. Hide, eh?”

cliente: “Come scusi?”

operatore: “Niente, niente: menu in alto Strumenti, scelga Account, doppio clic, nella seconda linguettina in alto chiamata Server selezioni…”

Ogni riferimento a persone o fatti realmente accaduti è puramente casuale 🙂

Google Toolbar: don’t worry be happy

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Taaà tattaaà taraaà tattarattattararaaà tattarattattararaaà tattarattataaà… questa Toolbar mi fa pensare. Mi fa pensare a quanto siano bravi i ragazzi di Google, ma anche a quanto siano furbi!


Il 20% della home page italiana di Google è occupato da una gif e da un link (entrambi centrali, solitari su riga orizzontale e separati da spazi vuoti di “remark” sopra/sotto) relativi alla nuova Toolbar. La gif pesa 5,8 kb (contro gli 8,7 del logo) quando tutto il codice della pagina, che ripeto non contiene altre gif oltre al logo decisamente fondamentale, pesa 4,5 kb circa. Voglio dire… un rapporto di tutto rispetto!


Bene, che motivo avrebbe Google di pagare tutta questa banda in più (calcolate i milioni di persone che ogni giorno caricano svariate volte quella home non il peso della singola gif) e di “sporcare” il vuotissimo layout che lo ha reso famoso con un’immagine così larga? Il motivo ovviamente è economico.


La funzionalità più rilevante di questa nuova versione della Toolbar è il “blocca popup”. Va bene, è vero che rimane opzionale e che già prima di loro lo facevano altri software (Mozillone ad esempio), ma vogliamo mettere il peso di Google? Quanti usano Explorer? Quanta gente usa Mozilla contro quanta gente utilizzerà questa nuova versione della Toolbar? Molti imho.


Ma perché Google dovrebbe bloccare i popup? Sicuramente perché sono un fastidio per gli utenti e da sempre il super motore s’è schierato a favore di questi ultimi (un altro motivo in più per scaricare questo softwarino). Maaa… a cosa servono i popup/popunder? Se non calcolassimo tutti i siti in Flash potremmo dire senza rischi di errore che fondamentalmente servono per ragioni pubblicitarie: raccogliere iscrizioni, promuovere un prodotto, un partner, uno sponsor, etc. Queste raccolte spesso vengono gestite dai singoli webmaster, più spesso da agenzie pubblicitarie.


Qual è ora uno dei settori su cui Google sta spingendo di più? Sicuramente la pubblicità basti guardare al peso che sta dando al suo servizio AdWords ed alla recente possibilità per alcuni big in “beta” di inserire pubblicità raccolte da Google nei propri portali.


Il gioco è fatto: gli utenti aiutano (inconsapevolmente ed indirettamente) Google a smangiucchiare qua e là fette di mercato che lo porteranno a raggiungere una posizione di leader sempre più indiscusso.


Con tutte le conseguenze del caso. Allora forse aveva ragione Soru?

Una più del diavolo

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Ecco, Renato Soru ne sa sempre una più del diavolo… in questa intervista per La stampa dice la sua (nella quale trovo imho anche un paio di cazzate) sulla predominanza delle tecnologie d’oltre oceano. In effetti il problema principale è che qui mancano le idee, ergo le si importa, il secondario, per così dire, sta nella mancanza di modalità.

1 12 13 14 Torna su