b2c

Sciopero generale? Calano gli ordini online!

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Giovedì 30 ottobre notiamo un drastico calo degli ordini su alcuni e-Commerce che seguiamo: stiamo parlando di un -25% circa rispetto all’andamento dei giorni e dei mesi precedenti. Abbiamo un trend storico piuttosto ampio con cui confrontarci ed ovviamente non è stato modificato nulla sul sito né sono state ritoccate le campagne pubblicitarie, quindi stesso budget e nessun problema tecnico segnalato. Insomma tutto corrisponde alla normale attività, tranne il numero di ordini.

A questo punto analizzando il traffico sul sito notiamo un calo delle visite che corrisponde grossomodo a quella percentuale (poco meno in realtà). Come mai? Un collega dal profondo pensiero laterale ipotizza e ricorda: oggi c’è lo sciopero generale! Vero. Manifestazione a Roma per il decreto Gelmini, scuole chiuse e così via.

Il profilo del principale cliente di questi shop (donna 30-50), effettivamente, si avvicina molto alle persone coinvolte direttamente o indirettamente da questo tipo di sciopero: ad esempio a causa delle scuole chiuse è probabile che molte mamme siano dovute rimanere a casa in compagnia dei bambini. E questo viene confermato dal fatto che, secondo i dati storici di cui disponiamo, il maggior numero degli acquisti avviene durante l’orario lavorativo.

Il giorno dopo, venerdì, il ritmo degli ordini rimane un pochino più basso del solito, probabilmente per via delle persone che hanno fatto “ponte”, ma i dati del weekend e del lunedì successivo sono tornati normali: seppur limitate queste informazioni confermano l’ipotesi.

Insomma in questo caso pare che uno sciopero offline incida (negativamente) sugli acquisti online. A questo punto però sarei curioso di sapere se avete esperienza di qualche servizio/sito/azienda che da uno sciopero invece ci… “guadagna”.

1 2 3 Torna su