branding

Mr Wolf risolve problemi, la prima pagina di Google no

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Adoro la scena di Pulp Fiction in cui Harvey Keitel, nei panni di Winston Wolf, arriva sul luogo del misfatto e con un’invidiabile calma si presenta ai due casinisti: “Sono il signor Wolf, risolvo problemi“. Wow!

Quanto sarebbe bello se Google potesse fare lo stesso per il nostro business o per quello dei nostri clienti. Purtroppo però non è così, specie se l’interesse nel posizionamento sull’ormai mitica prima pagina è guidato dalla sola volontà di stare davanti ad un competitor o di esserci per una questione di immagine. Negli ultimi mesi mi è già capitato con tre clienti.

Posizionarsi bene per determinate parole chiave (magari legate al nome generico dei prodotti) può avere molti scopi, l’ultimo dei quali – secondo il mio personalissimo parere – deve essere la semplice presenza o la diffusione di un brand. Mi piace essere concreto.

In un progetto il cui obiettivo è quello di invogliare le persone a compiere un’azione bisogna valutare le modalità, le keyword ed i messaggi che riescono a massimizzare la conversione desiderata. Posizionarsi per orgoglio, investendo ciecamente tempo e risorse, corrisponde semplicemente ad una perdita di focus.

Hai voglia poi a parlar di coda lunga e di risultati

Chènvud: lez plei!

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Il suono è tutto, no? Un po’ di tempo fa Kenwood lanciò una campagna promozionale grazie alla quale regalava magliette ed adesivi di gruppi rock famosi, ma… con qualche piccola revisione del logo e un doppio senso sonoro. 😀 Così sono nate le “ti-scert” e gli “sticher“. Insomma scegli quello che ti piace e loro te lo mandavano direttamente a casa, gratis. Così ho fatto girare il link ed ora mi trovo con un sacco di amici che chiedono informazioni su questa promozione e vogliono sapere se mi è arrivato qualcosa perché sembra che nessuno abbia ancora ricevuto nulla. Oggi Kenwood, nella figura del suo direttore marketing, scrive una mail a tutte le persone che hanno aderito, usando un tono ironico ed informale decisamente azzeccato:

Scusate il ritardo…

…Ma siete davvero tanti. L’iniziativa “Il Suono è Tutto” è piaciuta più di quanto ci aspettavamo e abbiamo sottostimato il ritmo di produzione delle TI-SCERT. Se ancora non avete ricevuto la vostra siate fiduciosi, arriverà presto.

Vi segnalo inoltre che dal 29 settembre sono disponibili sul sito altri 5 nuovi soggetti. Non ditelo troppo in giro così evitiamo altri ritardi 🙂

Saluti a tutti,

Sembra che abbiano pubblicato altri 5 oggetti (sempre gratis): “becstrit bois”, “de blus braders”, “gimi endrics”, “rollin stons” e “quin”… peccato che non ci sia la ristampa di “villeig pipol” che mi era scappata per un soffio facendomi ripiegare su “giamiroquei”. Ecco, ora quelli di Kenwood mi sgrideranno, ma voi non ditelo in giro, eh! 😉

 Torna su