commercianti

e-Commerce: nuove regole dal 13 giugno 2014

5.00 avg. rating (93% score) - 1 vote

Qualche giorno fa il Sole 24 ore ha pubblicato l’articolo: Acquisti online, in arrivo nuove regole: ecco cosa cambia dal 13 giugno. Ne avevo scritto in dettaglio qui sul blog, ma dato che manca solo un mese… un veloce recap può essere di aiuto. E, sì, sono tutte novità a “sfavore” del merchant. 😀

e-Commerce: 5 caratteristiche del merchant perfetto

5.00 avg. rating (93% score) - 1 vote

Visto il successo del post “5 caratteristiche del prodotto perfetto da vendere online” pubblico un’altra personalissima opinione a riguardo: le qualità necessarie per un buon commerciante online.

Da che mondo e mondo, ciò che fa la differenza nella vendita è spesso la relazione. E anche nel nostro caso – sebbene elettronico – di commercio si tratta (e, sì, c’è relazione anche online, molta!). Che tu sia il consulente, l’agenzia o l’imprenditore ti troverai presto o tardi a scoprire che – oltre al prodotto, all’offerta e alla comunicazione – per vendere bene online contano anche le persone. Il loro modo di essere e di fare traspare in ogni elemento dello shop e ancor di più nelle risposte via chat, mail e telefono. Una persona mediocre, infatti, vende più di un’ottima pagina web.

E allora quali sono le caratteristiche peculiari di un venditore perfetto, “ottimo” per l’e-Commerce? Provo a elencarne alcune in questo post:

  1. Approccio “da banco”
    Il merchant online ha ottime doti relazionali (forse ancor più che nel commercio tradizionale) e una spiccata mentalità commerciale, meglio se con esperienza da banco. Se ha già venduto in prima persona sa utilizzare un registro adatto allo scopo. Che è vendere, ogni tanto occorre ricordarlo. 🙂
  2. Competenza e passione
    Una scarsa proprietà dell’argomento è nemica della vendita. Chi conosce bene l’esigenza e il prodotto si può permettere di toccare tasti persuasivi di un certo tipo, stimolando l’acquisto attraverso la competenza utile. Il buon merchant è un appassionato del settore che si è sporcato le mani (o non se l’è mai lavate!). E’ quindi in grado di sostenere un dialogo con il più pignolo dei clienti, dimostrare autorevolezza attraverso appositi strumenti, e indirizzare il gruppo di lavoro verso l’approccio migliore.
  3. Visione di medio periodo
    Il merchant perfetto decide in termini strategici e ha una visione di medio periodo. Crede nell’e-Commerce, ma non lo reputa un El Dorado. Investe con un preciso obiettivo temporale e si aspetta un ritorno secondo i tempi definiti (non necessariamente nell’immediato). Per questo ha tempo, budget e sangue freddo. Come anche l’umiltà di cambiare idea velocemente quando le congetture non si dimostrano veritiere.
  4. Capacità di delegare
    L’e-Commerce “one man band” funziona raramente e la risorsa più scarsa rimane il tempo. Per uno shop profittevole servono invece competenze diverse e persone motivate a raggiungere, con tutte le loro forze, obiettivi condivisi. Il merchant perfetto è quindi capace di responsabilizzare i collaboratori delegando scelte, budget e offrendo un raggio di autonomia più o meno ampio (a fronte di una profonda attività di reporting).
  5. Dati e network
    Il merchant migliore è quello che arriva con un grande bagaglio di numeri e relazioni. Ha quindi accesso a uno storico di dati per il settore merceologico e il pubblico di riferimento, magari raccolti in prima persona o comunque “sul campo”. I dati sono un asset importante perché permettono di partire col piede giusto, pur coscienti che le congetture andranno sempre verificate online. Lo stesso per le relazioni: collaboratori, fornitori e così via. Difficile anche trovare consulenti/agenzie che abbiano il polso di ogni mercato, ma con l’analisi e l’interpretazione dei dati potranno offrire il massimo della loro esperienza nell’online.

Credi che un venditore così non esista? Io sono convinto del contrario. Forse però commettiamo l’errore di cercare tutte le caratteristiche in una singola persona, mentre di fatto ne serve qualcuna in più. Il merchant perfetto esiste eccome, è semplicemente… un team.

Quali altre caratteristiche aggiungeresti?

Credit immagine: bebfedericosecondo.it

Facebook? Un covo di cioccolatai. Anzi, gelatai!

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Hai conferma che un fenomeno è diventato davvero di massa quando in un paesino della Valle d’Aosta trovi sulla porta di una pasticceria-gelateria questo cartello:

Cartello di invito ad iscriversi al gruppo della pasticceria, su Facebook

Mi sarebbe piaciuto sentire il parere di [mini]marketing a riguardo, in fondo questa foto sembra tratta dal suo “Il marketing insegnato (d)ai negozianti“.

I biscotti secchi ed il gelato, poi, sono buoni. 😀

 Torna su