community

In streaming con Stickam

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Durante il Bzaarcamp mi sono divertito a rendere disponibili in diretta le sessioni sfruttando una soluzione decisamente… amatoriale!

Ecco un breve tutorial su come utilizzare Stickam per la trasmissione in diretta di un evento (streaming audio-video). Ovviamente si tratta di una soluzione casalinga, caratteristica che forse contribuisce a rendere il metodo addirittura più interessante, perché con pochissimi requisiti chiunque può fare gratis oggi quello che fino a poco tempo fa era appannaggio di pochi tecnici e costose apparecchiature.

Come ho fatto vedere a qualche curioso durante il Bzaarcamp il metodo è assolutamente alla portata di tutti perché sfrutta i servizi gratuiti di Stickam.com. Questo sito, nonostante sia relativamente giovane, ospita una community che ha raggiunto in pochissimo tempo i 100.000 iscritti e non è raro trovare “live” 150-200 persone che con le webcam comunicano tra loro. Il servizio nasce infatti come una chat estremamente avanzata, ma con un minimo di fantasia può diventare uno strumento utile anche ad altri scopi, come nel nostro caso lo streaming di un evento.

Stickam - Streaming video audio - Home Page

Veniamo al dunque: cosa serve? Un computer mediocre, una connessione ad Internet (solo 4,5 Kb in upstream), una webcam ed un microfono nel caso non fosse già presente; io ad esempio ho usato un Intel Centrino 1.7, una rete wi-fi ed una vecchissima QuickCam della Logitech che integra anche il microfono. Inoltre per una migliore qualità dell’immagine e dell’audio consiglio l’uso di un cavalletto, fortunatamente la mia webcam ha l’attacco standard ed ho potuto sfruttare quello della macchina fotografica.

Ora bisogna registrarsi a Stickam ed iniziare lo streaming, vediamo passo passo come fare. Prima di tutto collegati al sito http://www.stickam.com, poi clicca in alto a destra sul link “Sign up” (registrazione). Comparirà il seguente modulo da compilare in ogni parte con l’asterisco arancione, che rappresenta i campi obbligatori.

Stickam - Streaming video audio - Registrazione

Un volta completo clicca sul pulsante “Next” in fondo nella pagina. Si aprirà una pagina di riepilogo che chiede conferma dei dati appena inseriti, controlla che tutto sia a posto e poi clicca su “Sign up” per procedere.

Stickam - Streaming video audio - Conferma dati

Hai appena completato i passaggi obbligatori, ma Stickam ti proporrà una schermata per definire meglio le tue caratteristiche da neo-registrato, questo serve a fornire il maggior numero di informazioni alle altre persone che interagiranno con te nella community. Per saltare questa fase di profilazione devi solo cliccare sul pulsante “Skip” in basso a destra.

Stickam - Streaming video audio - Profilazione utente

Infine verrai invitato a segnalare il servizio di Stickam ai tuoi amici, daltronde se funziona bene perché non farlo? 🙂

Stickam - Streaming video audio - Segnala ad un amico

Ok, terminata la registrazione puoi finalmente iniziare a giocare con la webcam. Ora, e dopo ogni futuro login, ti verrà proposta la sezione “My page” cioé una sorta di pannello di controllo da cui gestire tutte le tue attività su Stickam (caricamento di foto, video, audio, modifica delle preferenze, configurazioni, gestione dei messaggi privati e dei rapporti con la community). Ma vediamo subito la più importante: “Go live”, ovvero l’icona a forma di webcam posizionata come prima in alto a sinistra nel “My page menu”.

Stickam - Streaming video audio - Pannello di controllo

Cliccando su questa icona si aprirà un popup che ti chiederà, tramite le impostazioni di Adobe Flash Player, l’accesso alla webcam ed al microfono. Clicca su “Consenti” per iniziare la trasmissione. Da questo momento tutto quello che dirai/farai potrà essere usato contro di te, visto che sei ufficialmente onlinein diretta e visibile dal mondo intero!! 😀

 

Stickam - Streaming video audio - Richiesta di accesso alla wecam ed al microfono     Stickam - Streaming video audio - Esempio di videoconferenza

 

Tra le funzioni più interessanti di Stickam c’è la possibilità di registrare quello che la tua webcam riprende e di salvarlo poi nella tua sezione Video, come ho fatto io al Bzaarcamp e non è affato poco se ci pensi: banda, spazio e servizio… tutto gratis! I tuoi amici potranno poi rivedere il filmato in streaming (differita) collegandosi al tuo profilo su Stickam, anche senza essere registrati alla community. Questi video possono poi essere salvati in formato FLV smanettando un po’ nel codice HTML, ma questa è un’altra storia. Invece è sicuramente da segnalare il Player da mettere sul tuo sito: basta copiare sul tuo blog il codice Javascript/HTML fornito da Stickam e sarà possibile vedere quello che la tua webcam trasmette anche direttamente dalle pagine del tuo blog. Ed ovviamente il player si può personalizzare, come direbbe Pelù, nella forma e nel colore! 😉

 

Che dire ora, un grosso in bocca al lupo ai provetti registi e grazie a Stickam!

FON: le nuove mappe

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

I ragazzi di FON hanno completato lo sviluppo delle nuove mappe basate su Google Maps e bisogna dire che, questi sì, sono davvero avanti.

Ora è possibile cercare i Foneros di tutto il mondo, o meglio, gli Access Point messi a disposizione da chi partecipa al progetto FON. Tramite un modulo si possono cercare per CAP, indirizzo, nazione, comune ed anche utilizzare dei filtri avanzati per scegliere cosa mostrare e cosa no. Ovviamente la posizione degli Acces Point viene definita sulla mappa in maniera precisa, così che sia possibile avvicinarsi ed usufruire del servizio.

FON: online le nuove mappe

Finalmente si riescono a distinguere i Foneros registrati da quelli che invece tengono acceso il router, di conseguenza si possono conoscere tutti i punti di accesso reali, evitando spostamenti in direzione di quelli non attivi. Purtroppo l’indicatore di attività si aggiorna con un ritardo di 1 ora, ma è già un bel passo avanti.

Inoltre nel dettaglio si può vedere il raggio di copertura stimato per ogni Access Point attivo ,anche se non ho ben capito come possano ipotizzare la qualità del segnale (forse in base al piano dell’edificio a cui hanno consegnato l’Access Point). Si tratta comunque di un’informazione molto utile per scegliere, dove possibile, a quale punto avvicinarsi nella speranza di ottenere una buona ricezione. Altra funzionalità simile è la possibilità di cercare un Access Point attivo nelle vicinanze di una zona identificata.

Ma sopratutto trovo geniale la possibilità di scaricare l’elenco geografico degli Access Point per inserirli nel navigatore GPS come POIs (cioè Point Of Interest), così facendo saranno sempre disponibili per ogni necessità di collegamento.

Trovo un po’ scomodo invece il caricamento necessario dopo qualsiasi spostamento sulla mappa, caratteristica che ne rallenta la gestione. In compenso ho visto che Milano è davvero tempestata di Foneros!

FON: router wi-fi a 1 euro

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

FON - La più grande community wi-fi del mondoNuova offerta di FON valida fino a domani 8 giugno alle 12:30: il FON Social Router a solo 1 euro e senza spese di spedizione (il pagamento avviene tramite Paypal)! Proprio una ghiotta occasione per chi desidera diventare Fonero ed abbracciare la filosofia del movimento FON, ecco ad esempio gli italiani che hanno già aderito.

Per maggiori informazioni c’è il blog ufficiale nella nostra lingua curato da Stefano Vitta.

UnConf

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

L’idea, a quanto ho capito, è quella di organizzare una conferenza sull’innovazione web italiana che sia “attiva” ed aperta al confronto quindi una non-conferenzaUnConf. Le menti del progetto sono operatori del settore provenienti da tutta Italia, che provano ad organizzare la cosa tramite Wiki, online.
Tutti possono dare una mano, ecco i dettagli.

via Giuseppe Mayer

Su Linkedin

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Interlocutore: “…Ah no, cioè solo se è nella tua lista di contatti diretti. In pratica vedi i contatti della tua prima linea. Per capirci, io tra i miei contatti ho Tizio e vedo i suoi 100 contatti in chiaro. Mentre per chiunque altro vedi solo il numero dei contatti.

Marlenek: “e’ proprio questo che non ha senso, far vedere i propri contatti a cani e porci!!

Interlocutore: “Babbazzo! E’ il motivo fondante l’idea, altrimenti non si chiamerebbe LinkedIn.com, ma MyDicks.com 😉

1 2 3  Torna su