sem

Strategia 2.0: motori di ricerca o passaparola?

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

PassaparolaNegli ultimi anni sono venuti alla luce diversi servizi online che hanno raccolto un gran numero di utilizzatori, molti di questi siti hanno scelto la strategia del “nascosto”, dell’invito, della curiosità piuttosto che la più diffusa strategia di ottimizzazione per i motori di ricerca (e non sempre l’obiettivo è quello di generare grossi volumi di utenza). Insomma poche pagine pubbliche e quasi tutto il contenuto protetto da un login.

Parliamo di nomi altisonanti come Facebook, LinkedIN, BuyVIP e così via. Alcuni di questi pubblicano solo una piccolissima parte dei contenuti prodotti dalla loro comunità, altri lo fanno solo se espressamente richiesto dal singolo utente ed altri ancora scelgono di non rendere visibile proprio nulla ai visitatori occasionali.

La strategia è dunque sbilanciata sul passaparola/curiosità piuttosto che sull’ottimizzazione per i motori di ricerca. I “vecchi” forum ad esempio sono spesso ben indicizzati per ricerche specifiche e i contenuti generati dagli utenti sono pubblici, dunque la scelta è sicuramente ragionata. Ecco perché sarebbe interessante accedere a qualche numero: quanto funzionano meglio la curiosità ed il passaparola rispetto al contenuto interessante e facilmente trovabile?

Generalista vs Specializzato

3.00 avg. rating (73% score) - 1 vote

Partendo dal ragionamento del post precedente e dai commenti ricevuti riesco grossomodo definire, almeno per l’esperienza di questo blog, una serie di piccole verità:

  • Più sei generalista (keyword Formentera) più la gente arriva sul sito senza pensare troppo al clic che sta facendo (100.000 letture).
    Viceversa più sei specializzato (keyword CMS) più la gente è in grado di selezionare se il sito sarà di suo interesse, prima del clic.
  • Più sei generalista (keyword Formentera) più la gente è interessata solo ai contenuti e solo a quelli che cerca (1,83 pagine per visita, 1:20 minuti sul sito, 75% di bounce).
    Viceversa più sei specializzato (keyword CMS) più la gente è interessata proprio ai tuoi contenuti e a te (3,75 pagine per visita, 3:00 minuti di tempo sul sito, 40% di bounce).
  • Più sei generalista (keyword Formentera) più la gente arriva dai motori per altre parole chiave piuttosto che tornare di sua spontanea volontà (87% di visite nuove).
    Viceversa più sei specializzato (keyword CMS) più la gente torna (79% di visite nuove) interessata a quello che scriverai.
  • Più sei generalista (keyword Formentera) più la gente approda al sito in momenti specifici legati al tempo (eventi, stagioni, etc).
    Viceversa più sei specializzato (keyword CMS) più la gente approda al sito in forma continuativa e più o meno stabile nel tempo.

In ambito blog risulta anche dalla vostra esperienza?

Elucubrazioni sulle ricerche

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Un buon posizionamento del proprio blog sui motori di ricerca è certo un vantaggio, ma porta anche alcuni problemi. Uno dei miei post su Formentera ha raccolto 52.000 visite di cui 10.000 negli ultimi 20 giorni, infatti cercando la parola “formentera” su Google, il post compare nella prima pagina. Gli altri post sullo stesso argomento vivono di rendita generando qualche migliaio di letture per un totale di poco più di 100.000 contatti in un anno legati solo all’argomento vacanza a Formentera (cioe’ di media 277 al giorno o 8.300 al mese, ma in realtà ci sono dei momenti di picco). Ora, sicuramente è positivo avere un buon numero di accessi, ma questi nello specifico quanto sono interessati a me, al mio blog ed a quello di cui parlo? Quanti torneranno o si iscriveranno al feed? Quanti scriveranno un commento o una mail?

Da Google arriva il 75% delle visite di questo sito con determinate parole chiave, a seconda del periodo: c’è stato il momento di Hamachi (45.000 visite al post), del palmare Micat Mio A701 o del World Press Photo (entrambi 14.000 visite ai post), del cane più brutto del mondo (12.000 visite al post), del palmare Artemis HTC 3300 (7.000 visite), del Bzaarcamp (4.500 visite al post) ed ora è il momento del mare e delle spiagge. Sicuramente poi ne dimentico qualcuno… In linea di massima tutti i post citati contengono informazioni approfondite e, spero, interessanti tuttavia le principali pagine di uscita dal blog corrispondono grossomodo ai post più visitati: trovo quello che mi serve e scappo? Insomma se dicevo che su internet ci si va per due motivi: i contenuti e le persone, di certo qui la maggior parte della gente non passa per venire a trovare me! 🙁

E ancora, dBlog.it è posizionato nella prima pagina di Google anche per parole come “CMS” (su 157 milioni di risultati) o “Content Management System” (su 627 milioni di risultati) eppure non ricevo molte visite per queste due parola chiave. Che la maggior parte delle ricerche su Google siano legate ad eventi temporali: l’estate, l’uscita di un prodotto interessante, una mostra di fotografia o una conferenza di informatica, la morte di un animale particolare, etc? Cosa dite, sono i deliri di un neurone annebbiato dal sonno oppure risulta anche a voi?

1 2 Torna su