tablet

WhyMCA 2010 live blogging (appunti): design per iPad

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Design per iPad, Luca Mascaro La prima volta che hai in mano un iPad non capisci bene cosa ti ricorda come esperienza d’uso. Le regole di progettazione e di interfaccia dell’iPhone non funzionano sempre sull’iPad. Nel ciclo di vita giornaliero di un utente non c’e’ nulla che assomigli all’iPad. Approccio di scoperta. iPad viene utilizzato da un’utenza trasversale: sia vecchi che nuovi utenti. Non sono solo nativi digitali. Un computer e’ troppo complesso per leggere la posta e guardare due siti. L’iPad si utilizza in contesti relativamente nuovi: nessuno lo usa alla scrivania. Divano, bagno, in piedi, riunioni, etc. Chi fa ricerca con utenti ora dovra’ esplorare tutto… Per fare design delle interfacce bisogna pensare prima agli scenari che alla progettazione, ancora piu’ dell’iPhone. Sviluppare le interazioni sugli scenari: studi lo scenario e il contenuto e l’interfaccia viene da se’. Prototipare, prototipare, prototipare. Esempio reale: a livello di ipotesi/sketch/disegno un contenuto doveva essere navigato in verticale, quando si aggiungono le immagini vere nel mockup tutti gli utenti pensavano di doverle scorrere in orizzontale. iPad e iPhone sono due cose diverse, anche se le human interface guidelines di Apple dicono che si possono migrare facilmente, la percezione degli utenti non e’ la stessa (e non lo e’ nemmeno tecnicamente). Forse non si riusciranno a fare applicazioni perfettamente identiche sui due dispositivi. L’interfaccia delle schermate di iPad e’ un misto tra pattern classico della telefonia e un computer (iPhone e’ piu’ semplice da navigare e naturalmente sequenziale). Risoluzione dell’iPad: schermo iPad, iPhone e monitor sono cose diverse. Nell’emulatore le misure sono sbagliate e quindi per progettare su iPad bisogna avere un iPad. La rotazione dell’iPad viene usata poco dagli utenti a meno di motivi rilevanti come ad esempio la migliore navigazione. In verticale fruisci il contenuto, in orizzontale fai apparire altre informazioni/funzionalita’ a lato. SciencePlus: app editoriale per iPad che sfrutta l’interazione tra contenuti (su layer). Il contenuto definisce cosi’ l’interfaccia, rendendo invisibile l’interfaccia stessa (es. se il contenuto scorre da solo verso l’alto l’utente e’ portato a sfogliare in verticale). Su iPad hai dubbi su qual e’ la direzione di interazione, per sfogliare: slide o scroll? Tipografia densa e rendering dubbio: a certe dimensioni il carattere e’ illeggibile per via del sistema di antialias. Illustrator e Photoshop vengono usati per progettare/simulare, ma portando i contenuti su iPad non sempre la cosa funziona e rimane leggibile. Lo stesso problema si ha con l’emulatore di XCode. Sfondi, luminosita’ e colori: su iPad l’uso di colori pieni non funziona benissimo, ma funzionano meglio i colori con “rumore” perche’ rendono l’interazione piu’ naturale e aiutano la sensazione di scorrimento. La metafora e’ quella di spostare veramente un oggetto. Su iPad non si pensa piu’ in 2D, ma in tridimensionale: e’ un dispositivo esperienzialmente profondo verso la realta’. Un esempio di profondita’ e’ l’interfaccia dell’applicazione iBooks.

 Torna su