e-Commerce: è sufficiente una versione mobile?

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Ultimamente si parla molto di internet in mobilità e dell’impatto degli smartphone sulle abitudini online, in particolare su mobile-commerce e marketing geo-locale. Decine di articoli sui blog tematici, ampia copertura sulle riviste e un tema che sembra aver monopolizzato le conferenze di settore.

E’ un bene che sia così, ma la diretta conseguenza di ciò non dovrebbe essere la corsa alla realizzazione di una “versione mobile” dell’e-Commerce. Questo errore è già stato commesso qualche tempo fa (e ne portiamo i segni), quando si pensava che le piattaforme fossero l’unica risorsa necessaria per vendere online con profitto.

Contesti diversi, comportamenti diversi

Qui non differisce il mezzo, ma il bisogno. Il mezzo diventa un “semplice” abilitatore. Ecco cos’è successo lo scorso dicembre 2010 sulle ricerche per acquisti natalizi in ambito retail. Dati di Google:

Trend ricerche desktop vs mobile (settimana prima di Natale 2010)

L’andamento di sinistra mostra il volume di ricerche su desktop nel tempo, mentre il grafico di destra mostra il volume di ricerche effettuate tramite dispositivi mobile. Per entrambi c’è una crescita in vista del periodo più ricco dell’anno – dicembre – ma la situazione cambia radicalmente nella settimana di Natale (evidenziata con lo sfondo azzurro). Le ricerche su desktop diminuiscono rispetto alle ricerche su mobile, che aumentano: sembra che gli utenti si affidino al cellulare per gli acquisti dell’ultimo minuto e per la store location (quando diventa impossibile ricevere per tempo una spedizione… occorre andare di persona).

La versione mobile deve rispondere (almeno) a esigenze di mobilità

Le necessità e gli interessi, quindi, divergono in base al mezzo utilizzato (fisso vs mobilità) e occorre tenerne conto durante la progettazione dello spazio dedicato. Specie se l’obbiettivo è quello di offrire un’esperienza di qualità che contribuisca a generare il maggior numero di acquisti, diretti o indotti.

Versione mobile del sito e-Commerce: Trenitalia vs Mediaworld

La versione mobile dello shop diventerà presto il minimo sindacale (provate a navigare/acquistare su Trenitalia tramite smartphone, poi fate lo stesso su MediaWorld) e la battaglia per stimolare un acquisto si giocherà anche sulla capacità di rispondere alle esigenze specifiche dell’utente, di volta in volta.

2 commenti per e-Commerce: è sufficiente una versione mobile?
  1. Giovanni Rispondi

    Articolo interessante. Ma cosa intendete dire con il finale ‘la versione mobile diventera’ presto il minimo sindacale’ ? Di certo la geolocalizzazione aiuta gli acquisti lastminute ma gran parte degli acquisti possono essere compiuti indifferentemente via tablet, smartphone o pc. Ad esempio un biglietto su ryanair.com abbraccia lo stesso pubblico da qualsiasi mezzo si connetta…

    Poi vorrei citare un problema che ho vissuto in prima persona, in Italia c’e’ un divario abissale tra velocita’ di navigazione adsl e navigazione mobile. Da un lato una pessima copertura internet a banda larga e dall’altra un’ottima copertura mobile, percio’ finche’ non verra’ colmato questo divario non si potranno considerare alla pari gli acquirenti mobile e da pc.

    Ciao. Giovanni Pinna

  2. Daniele Rispondi

    giovanni: intendo dire che, secondo me, una versione ottimizzata per mobile sarà non solo utile, ma indispensabile. Ora circa il 10% degli utenti arriva da mobile, alcuni casi studio dicono che proponendo loro una versione del sito ottimizzata per mobile (invece della semplice versione desktop) le conversioni raddoppiano.

    Sulla considerazione che fai mi trovi d’accordo: gli utenti sono gli stessi, ma il dispositivo è diverso e semplificargli la vita significa spesso vendere di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato. Inserisci il tuo nome, la tua mail e il commento.