Che il marchio parli!

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

In questi giorni si legge molto di Edelman e della sua classifica dei blog più influenti d’Italia: molti blogger hanno detto qualcosa a riguardo, perlopiù in comprensibili termini negativi, e fin qui nessun problema. Non capisco però il pensiero di Gaspar (che spero di aver bene interpretato), perché escludere a priori i “marchi” dalla conversazione? Io preferirei avere la possibilità di scegliere piuttosto che trovarmi davanti ad una situazione; il mio dubbio riguarda il momento, insomma la stessa domanda che si pone Totanus: perché ora si e prima no?

Io penso che questo iniziale, impalpabile, interesse delle aziende alla conversazione sia solo un bene. Il motivo che le spinge a relazionarsi con il pubblico parlante è secondario: c’è chi si accorge della reale necessità e chi, giocoforza, si deve adattare ad un mercato in mutamento di cui noi siamo gli artefici. E allora non mi stupisco se diventa vitale per l’azienda accorgersi e rinnovarsi. Se dimostrerà di essere in grado di avviare un processo di comunicazione adeguato al suo ambiente ed ai suoi “consumatori” allora saremo tutti contenti, viceversa si avvierà probabilmente una nuova piccola rivoluzione.

Miseria che pappone, non lo capisco nemmeno io! 😀 Tutto per dire che venerdì alle 11:30 farò un salto alla conferenza “Top of the blogs” presso Le biciclette in via Torti 1 a Milano per sentire cosa si dice in merito all’influenza (etciùm!) della blogosfera italiana ed al rapporto tra blog ed aziende.

2 commenti per Che il marchio parli!
  1. Gaspar Rispondi

    Spero di aver chiarito meglio con il post di oggi.

  2. aNt1 Rispondi

    Sempre più bello questo blog… Bel lavoro… Continua così!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato. Inserisci il tuo nome, la tua mail e il commento.